CONDIVIDI

[ad_1]

Agenpress. I libri di testo, i programmi scolastici e il sistema di istruzione del Pakistan sono viziati dalla promozione dell’intolleranza e discriminazione verso le minoranze religiose.

Lo stato, a maggioranza musulmana, ha creato un ambiente in cui i non-musulmani sono considerati “cittadini di seconda classe”, con minori diritti e privilegi. Si mette in dubbio il loro patriottismo e il loro contributo alla società viene ignorato.

Lo afferma il nuovo rapporto “Fede e futuro: Discriminazione sulla base della religione o del credo nell’istruzione”.

Il Rapporto indaga le violazioni del diritto e della libertà di religione in contesti educativi in cinque paesi: Birmania, Iran, Messico, Nigeria e Pakistan.

In particolare in Pakistan  i libri di testo sono scritti “per creare un’immagine monolitica di Pakistan come stato islamico e dei cittadini pakistani solo come musulmani”, escludendo di fatto i non musulmani dall’identità nazionale e mancando di “riconoscere e celebrare la diversità religiosa ed etnica del Pakistan”.

Il Rapporto ricorda che durante gli anni ’80 l’allora dittatore generale Zia-ul-Haq ha avviato un processo di islamizzazione della nazione, dando all’istruzione un orientamento ideologico, e facendo sì che l’ideologia islamica permeasse il pensiero delle nuove generazione. Il tutto, si spiega, per rimodellare la società secondo i principi islamici. Gli effetti di questa operazione “si avvertono ancora dappertutto nella società, in particolare nell’ambito del sistema educativo”.

Sikh, indù, cristiani, ahmadi e altre minoranze religiose soffrono di gravi violazioni delle libertà religiosa in questo contesto. I programmi, ad esempio, sono pieno di contenuti e linguaggio dispregiativo verso le minoranze religiose; verso gli insegnanti e gli studenti non-musulmani vi sono atteggiamenti discriminatori e tentativi di conversione all’islam; gli studenti delle minoranze – denuncia il Rapporto – sono abitualmente sottoposti ad abusi fisici e psicologici, inclusi maltrattamenti e bullismo.

 

L’articolo Pakistan: i libri di testo scolastici sono pieni di contenuti e linguaggi dispregiativi verso le minoranze religiose proviene da Agenpress.

[ad_2]

Source link