CONDIVIDERE


Agenpress – Con 329 voti a favore, 220 contrari e 4 astensioni passa alla Camera, la fiducia sul decreto legge Milleproroghe.

Il governo ha posto la questione di fiducia sul testo dopo le forti tensioni legate a diverse questioni, tra cui i nodi vaccini e periferie. Ora il documento passerà al vaglio di Palazzo Madama.

Nella prima fiducia il governo Conte ha perso 21 voti, rispetto a quelli ottenuti il 6 giugno in occasione dell’insediamento.

Allora l’esecutivo incassò 350 voti a favore, 236 contrari e 35 astenuti, mentre oggi i sì sono stati 329. Tra gli assenti nella maggioranza, 12 erano in missione, e quindi giustificati (10 di M5s e 2 della Lega): si tratta di ministri o sottosegretari. Si registrano tuttavia anche sette assenze ingiustificate, cinque di M5s (Cabras, Corneli e la no vax Cunial) e due della Lega (Bazzaro e Covolo). Tra i sì non provenienti dai gruppi di Lega e M5s, si registrano quelli degli ex pentastellati (Caiata, Cecconi, Tasso e Vitiello). Non ha invece partecipato al voto Silvia Benedetti, l’altra eletta nelle liste di M5s e cacciata dal Movimento.

 

L’articolo Milleproroghe. Governo pone la fiducia. 329 sì. proviene da Agenpress.



Source link