CONDIVIDERE


Agenpress –  Via libera all’accordo europeo sul tema dei 49 migranti a bordo delle navi delle Ong Sea Watch e Sea-Eye bloccati in mare da settimane.

Lo ha annunciato il premier maltese Joseph Muscat.  Malta trasferirà sulle proprie navi i profughi che saranno redistribuiti tra otto Paesi europei, tra cui l’Italia. “L’operazione per trasferire i migranti sulle navi delle nostre forze armate inizierà il prima possibile”, ha affermato Muscat.

Il Commissario Ue per le Migrazioni, Dimitris Avramopoulos, usa toni trionfalistici: “Sono felice che i nostri sforzi per far sbarcare i migranti a Malta abbiano portato risultati e che tutti coloro che sono a bordo vengono sbarcati adesso. Elogio Malta per avere consentito questo sbarco e gli Stati membri che hanno mostrato solidarietà attiva accettando i migranti”.

I 49 migranti, dunque, saranno fatti sbarcare a Malta con una nave militare per poi essere redistribuiti. Alle barche delle ong Seawatch 3 e Albrecht Penck sarà chiesto di lasciare le nostre acque territoriali immediatamente dopo il trasferimento dei migranti”, ha detto il premier maltese Muscat.

L’accordo raggiunto prevede lo sbarco dei 49 a Malta per poi procedere con la successiva redistribuzione in otto Paesi Ue, fra cui l’Italia: Germania, Francia, Portogallo, Irlanda, Romania, Lussemburgo, Olanda e, appunto, Italia.

Immediato, su Twitter è arrivato il commento della ong Sea Watch: “- “L’Unione europea rilascia i suoi 49 ostaggi. “Dopo 19 giorni in mare i nostri ospiti hanno trovato finalmente un porto sicuro. E’ una testimonianza di fallimento dello Stato, la politica non dovrebbe mai essere fatta a spese dei bisognosi. Grazie a tutti quelli che erano con noi in questi giorni”, è scritto nella nota.

L’articolo Migranti Sea Watch. Raggiunto accordo Ue-Malta: distribuiti fra 8 Paesi, inclusa lʼItalia proviene da Agenpress.



Source link