CONDIVIDERE


Agenpress – “La prossima settimana contiamo di approvare il nuovo Codice riformato e poi il testo andrà alle Camere”.

Lo ha detto la relatrice Dalila Nesci (M5S), dopo la Commissione parlamentare Antimafia che controllerà le liste dei candidati per le regionali che si terranno in Abruzzo e in Sardegna ma seguendo il Codice per le candidature attualmente in vigore mentre le ulteriori restrizioni alla candidabilità varranno a partire dalle elezioni di primavera.

“La discussione oggi è stata articolata  anche perché non tutti ravvisavano l’urgenza di adeguare il Codice alle novità legislative introdotte. Ma se non blocchiamo l’infiltrazione delle mafie e della criminalità della politica, non cambierà nulla, ecco perché vogliamo fare in fretta, in modo che già dalle elezioni di primavera i cittadini possano votare candidati ‘puliti’”. Tra le novità proposte dalla relatrice per adeguare il Codice di autoregolamentazione in materia di formazione delle liste, l’incandidabilità dei soggetti destinatari di provvedimento di unificazione di pene concorrenti o comunque di più sentenze o decreti penali di condanna quando le pene se cumulate superino i 4 anni. Si propone poi di estendere il novero dei reati ostativi alla candidabilità a talune fattispecie, “ritenute dal legislatore di particolare allarme o tali da integrare i reati spia che sottendono a più complesse attività criminali come i reati di caporalato, tratta delle persone, autoriciclaggio, bancarotta fraudolenta, false comunicazioni sociali e corruzione tra privati”.

L’articolo Elezioni europee. Nuovo Codice per gli incandidabili proviene da Agenpress.



Source link