CONDIVIDI


Agenpress – Con 432 no e 202 a favore, i Comuni hanno bocciato l’accordo con l’Unione europea per l’uscita dalla Ue.

Subito prima del voto a Westminster la premier aveva rivolto l’ultimo appello ai Comuni a favore della sua intesa sul divorzio dall’Unione europea, per evitare il rischio di un “salto nel buio” che genererebbe “incertezza e divisioni” nel paese. Secondo THeresa May, la Brexit rispetta “la volontà democratica” espressa dal popolo nel referendum del 2016 e avrebbe aperto la strada “a un futuro migliore” per la Gran Bretagna, assicurando, però, che non si dimetterà.

Jeremy Corbyn, capo dell’opposizione, ha subito presentato una mozione di sfiducia al governo che sarà discussa mercoledì alla Camera. Il leader laburista parla di “sconfitta devastante”, accusando la premier d’essersi negata al dialogo con l’opposizione per scongiurare un “no deal” e di aver privilegiato gli interessi del partito conservatore su quelli della nazione.

L’accordo di ritiro è “uno sconsiderato salto nel buio”, è “cattivo per economia, democrazia e per il Paese”. Corbyn ha aggiunto che era stato promesso un documento “preciso” e “dettagliato”, mentre il “governo ha spettacolarmente fallito” in questo senso, perciò il Labour si oppone all’intesa raggiunta con Bruxelles.

“Se i deputati bocceranno l’intesa con Bruxelles, l’Ue dovrebbe accettare di riaprire i colloqui” aveva dichiarato Corbyn prima della chiama, definendo con le stesse parole della May – “salto nel buio” – il disco verde a un accordo considerato “cattivo per l’economia e la democrazia”.

Le “rassicurazioni”  arrivate ieri da Bruxelles sul cosiddetto “backstop temporaneo” (cioè il regime temporaneo dell’Irlanda del Nord in una sorta di mercato comune europeo e la Gran Bretagna nell’unione doganale Ue fino a quando non verrà trovata una soluzione definitiva sul confine irlandese) serviranno a poco. Tutti sanno che non avranno valore legale.

L’articolo Brexit. Bocciato l’accordo con l’Ue. May non si dimette. Corbyn, “sconfitta devastante” proviene da Agenpress.



Source link