CONDIVIDERE


Agenpress – Domenica scorsa, 10 febbraio, i Carabinieri del Nucleo Cites di Palermo, assieme al distaccamento di Punta Raisi e della Stazione di Piazza Marina hanno inferto un altro colpo al mercato dell’illegalità di Ballarò, famoso ormai per la vendita abusiva di fauna selvatica protetta. Il risultato è stato la denuncia di un uccellatore e il sequestro di 140 cardellini ed 1 fringuello, specie particolarmente protette dalla Convenzione internazionale di Berna. Gli esemplari, dopo aver ricevuto le visite dei veterinari dell’Asp di Palermo, sono stati liberati in natura.

Ringraziamo i Carabinieri per questo ennesimo blitz. Invitiamo comunque ad effettuare interventi più frequenti. Il mercato di fauna selvatica non è per nulla diminuito, come accertato dai nostri volontari che le domeniche precedenti si erano recati al mercato per effettuare i sopralluoghi” dichiara Giovanni Cumbo, Delegato della Lipu di Palermo. Ogni domenica ci sono almeno tre-quattro postazioni con la vendita di decine di cardellini ma altrettanti e forse di più sono tenuti nascosti” continua Cumbo. “Inutile, forse, dire al pubblico di non comprare gli animali a Ballarò poiché gli acquirenti sono della stessa categoria dei venditori abusivi e sanno benissimo le condizioni di illegalità che si sono al mercato.  Sarebbe il caso, però, di ricordare a coloro che acquistano gli animali a Ballarò che rischiano tanto quanto che li mette in vendita conclude Giovanni Cumbo, Delegato Lipu Palermo.

La lotta la bracconaggio è un’azione dura da sconfiggere e solo con interventi costanti e molta sensibilizzazione si potrà debellare, nel tempo, questo triste fenomeno.

La Lipu rinnova il proprio appoggio alle Forze dell’Ordine nel contrasto al bracconaggio.

L’articolo Palermo. Carabinieri sequestrano 140 cardellini protetti al mercato di Ballarò proviene da Agenpress.



Source link