CONDIVIDI


Agenpress. Ha avuto luogo presso lo spazio Open a Milano il think tank “L’Immobiliare per il rilancio dell’economia”.

Ha introdotto e moderato i lavori Paolo Crisafi (presidente RenMind).

Condividere con le istituzioni temi per portare avanti le politiche industriali immobiliari In apertura della giornata “L’Immobiliare per il rilancio dell’Economia del Paese” il presidente di Re Mind Paolo Crisafi ha dichiarato “Dopo l’appuntamento di Roma del 30.9 sulla “sicurezza delle popolazioni, degli immobili e degli Investimenti “RE MIND organizza questo incontro a Milano focalizzato sul racconto delle esperienze immobiliari nel capoluogo lombardo e quindi di respiro nazionale ed estero per rilanciare l’economia di tutto il Paese.

RE MIND punta sulla ricerca di nuove strategie operative nel settore capaci di offrire opportunità, liberare energie, creare sinergie, semplificare processi. E vuole anche essere un moderno e attuale strumento di confronto – la scelta e le modalità della “location Open” non sono casuali – per puntare a raccordare non solo grandi soggetti economici e finanziari dell’ immobiliare classico ma soprattutto quella piccola e media filiera produttiva così vitale fatta di imprese, imprenditori, professionisti, luoghi della cultura e del sapere, istituzioni, quel magma sociale del settore tanto determinante quanto spesso scarsamente rappresentato, almeno finora. Ha poi proseguito Crisafi “Tante idee e tante proposte che RE MIND sta già elaborando – questo secondo nostro meeting vuole dare ulteriori contributi in tal senso – documenti e progetti per il rilancio dell’economia attraverso la Filiera Industriale e Manifatturiera dell’Immobiliare così trainante e prioritaria, a nostro avviso, per il pil italiano. È certo un percorso ambizioso, forse non facile, ma non mancherà mai il nostro impegno costruttivo e il nostro contributo positivo condividendo con le forze politiche di governo e opposizione temi per portare avanti le politiche industriali immobiliari del Paese”.

Ha poi dato il suo saluto Giuseppe Sopranzetti (Direttore sede Banca d’Italia di Milano).
Ha aperto l’incontro introducendo il tema dell’importanza del settore immobiliare con l’esempio virtuoso della Regione Lombardia che, uscita dalla crisi nazionale del decennio scorso, ha registrato dei significativi dati positivi di crescita (Milano + 7%) dovuti alla capacità che la Lombardia ha dimostrato nel sapere “unire le forze” delle proprie differenti industrie e competenze, di mostrare talenti e al tempo stesso di sfruttarli (si prenda come esempio EXPO); capacità che ha fatto di quello ambrosiano un modello unico di successo.

E’ poi seguita la sessione con i principali assessori competenti per materia nel corso della quale Pierfrancesco Maran (Assessore a Urbanistica, Verde e Agricoltura)
Milano cresce costantemente da dieci anni. Maran imputa il successo del fenomeno immobiliare di Milano all’atteggiamento costante che nell’ultimo ventennio ha caratterizzato l’Amministrazione dandone continuità, pur variando gli obiettivi nel medio periodo: scommettere sul futuro. Allo stato gli obiettivi sono:
1. far fronte alla crescita degli abitanti di Milano (+15.000/anno) ampliando gli obblighi di edilizia convenzionata;
2. richiedere agli operatori dell’edilizia performance sempre più alte per un aumento del Verde, per contrastare il fenomeno dell’inquinamento, dovuto anche al particolare periodo climatico e alle intrinseche caratteristiche della zona geografica;
3. guidare il fenomeno di estensione del centro città accompagnando il forte intervento pubblico ad altrettanti investimenti privati.

Importante il confronto con Regione e in particolare con Pietro Foroni (Assessore Regione Lombardia al Territorio e Protezione Civile).
In risposta a quanto affermato da Maran sulla collaborazione tra i vari soggetti della filiera immobiliare e, in particolare, tra Milano e la Regione Lombardia, Foroni, con spirito più ottimistico ha rappresentato come la Regione si trovi spesso a dover far fronte a diverse esigenze dei vari Comuni: dal sud della Lombardia che spesso viaggia verso Milano, ai laghi passando per i Comuni di montagna. Questo fa sì inevitabilmente che le scelte legislative debbano essere il più elastiche possibile in modo da non svantaggiare nessun Comune.
Posto quindi che Milano e la Regione si possano spesso trovare in posizioni conflittuali, il principio ispiratore dovrebbe porsi aldilà degli interessi confliggenti fondandosi sulla convinzione che Regione e Comuni, in particolare quello di Milano, abbiano reciprocamente bisogno e reciprocamente si arricchiscano.

Vi è stato quindi un intervento Roberto Tasca (Assessore a Bilancio e Demanio).
Caratterizzato dal forte realismo che il suo passato e il suo percorso nel mondo della finanza gli ha insegnato e che lo ha portato all’assessorato del Demanio della sua città con lo sfidante obiettivo di valorizzare il patrimonio del Comune di Milano, l’intervento di Tasca ha messo in luce l’efficacia che ha avuto l’aver introdotto il metodo della procedura di gara nel trasferimento di immobili di particolare rilievo pubblico, sostituendo obsoleti schemi contrattuali, superati anche normativamente, su cui ancora si fondavano i rapporti tra il Comune e i privati.
A volte critico nei confronti delle scelte legislative della Regione, Tasca ha evidenziato alcune criticità su cui lavorare:
1. la creazione di una banca dati che possa raccogliere i dati di quali e quanti immobili da dismettere vi siano a Milano;
2. il ruolo, spesso troppo ingombrante, della Sovraintendenza che finisce per ostacolare opere di ristrutturazione di beni pubblici che potrebbero rimanere in cattivo stato (es. palazzo Marchiondi);
3. invito al legislatore a riflettere sull’imposta di registro nel trasferimento tra enti locali.

Si sono poste a seguire domande in merito e sport e turismo e Roberta Guaineri (Assessore a Turismo, Sport e Qualità della vita).
Con il suo intervento ha mostrato come spesso turismo e sport possano non procedere su due rette parallele ma possano invece reciprocamente intersecarsi generando ricchezza e miglioramento della qualità della vita.
È ciò che Guaineri augura accada con le Olimpiadi 2026: il cosiddetto “effetto EXPO”, che ha generato attrazione per Milano negli anni a seguire, successivamente alla durata di EXPO stessa.
Per ottenere questo effetto, per nulla scontato, si deve ragionare sul tipo di turismo e sulle problematiche che Milano affronta, una su tutte, la parità degli operatori economici degli alloggi alternativi con quelli tradizionali (Milano è infatti stata tra le prime città a tentare di regolamentare il mondo degli alloggi Air bnb tramite il Codice CIR).
Guaineri ha concluso con un forte incentivo agli operatori del settore dell’edilizia ad investire nello sport, inteso come un progetto di riqualificazione di centri sportivi in grado di ricreare integrazione (ci sono 130 centri da riqualificare).

Gli aspetti sociali sono stati trattati da Gabriele Rabaiotti (Assessore Politiche Sociali e Abitative).
Autodefinendosi quale voce scomoda del Comune, l’assessore ha rappresentato la trasversale importanza dell’edilizia popolare.
Una voce che ha la forza di molti anni di esperienza nel mondo politico immobiliare e che riprendendo le fila del Piano Fanfani vorrebbe far concepire l’edilizia popolare “moderna” non solo come risposta ad uno scopo filantropico ma come occasione vera di ripresa economica: tramite una “casa popolare del futuro” si potrebbe offrire un prodotto nuovo, innovativo, in cui a guadagnarci sarebbero tutti: i cittadini, tramite canoni calmierati; i privati, conquistandosi una fetta di mercato ferma a 50 anni fa; la città stessa, con la crescita delle infrastrutture.

In rappresentanza delle forze di Governo On. Mattia Mor (Italia Viva)
Voce di un giovane imprenditore che è parso curioso e attento alle voci della sua città; ha presenziato l’incontro mostrandosi vicino al programma del PD e in particolare all’invito di Ferrazzi al “togliersi le casacche” delle vesti politiche per perseguire un unico comune obiettivo, il bene del paese: aumentare gli investimenti anche stranieri, innanzitutto nella sua città natale (Milano) attraverso il settore immobiliare.

Raccogliendo i vari spunti di Mario Occhiuto (Presidente Fondazione Patrimonio Comune – Anci).
Il Sindaco di Cosenza ha sottolineato come l’argomento della crescita immobiliare comprenda anche la rigenerazione della città, che negli ultimi 10 anni sono cresciute a dismisura con criteri non sempre ecologici.
La rigenerazione può assumere varie forme, vuol dire soprattutto trasformazione dei quartieri degradati; rottamazione delle periferie, di edifici. Tuttavia, non bisogna nascondersi solamente dietro al criterio dell’utilità funzionale o alle esigenze di efficientamento energetico ma occorre sempre considerare anche la qualità e la bellezza, intese come riconoscibilità degli spazi. La città è fondata anche sull’idea di bellezza, criterio che deve far parte della rigenerazione urbana perché la città contengono la vita delle persone che, lungi dall’essere perfette puntano al miglioramento e al cambiamento continui.
Tale idea di rigenerazione urbana deve essere estesa non solo alla città di Milano ma a tutte le città italiane. Occhiuto ha menzionato i progetti avviati per la costruzione di scuole e stadi, realizzati spesso in quartieri che erano popolari ed oggi sono aree di collegamento importanti.

Emilio Faroldi (Prorettore Politecnico di Milano).
“Milano vicina all’Europa” non è solo una frase di una canzone di Lucio Dalla ma sintetizza ciò che è Milano nel mondo del progresso, dell’arte, della cultura. Il Politecnico ne è parte integrante perché l’Università non è oggetto a parte ma essenza di tutto ciò. Dalle riflessioni precedente emerge come una città che è prima nella politica del fare, propositiva, unica deve anche guardarsi dentro, ci deve essere un bilanciamento e equilibrio tra le varie spinte della cultura post moderna. Tale cultura ha spostato molto i temi del real estate: la cultura del tempo libero delle utilità e il ripensamento degli spazi e di nuove funzionalità non può prescindere dal concetto di casa che deve essere l’epicentro della progettualità.
Inoltre il Politecnico di Milano, è un’istituzione presente nello scenario immobiliare di Milano (e non solo) anche in veste di attore principale (si vedano i progetti in scalo Farini o a Rogoredo).
Infine, un bellissimo spunto sulla presenza di “estero” a Milano e di Milano stessa all’estero (ad esempio una sede dello stesso politecnico in Cina!).

Paola Visconti, responsabile Italia Fiera Mondiale Immobiliare Mipim
“Per l’edizione 2020 il Mipim ha scelto come tematica principale “THE FUTURE IS HUMAN”. Nei prossimi 30 anni vedremo una crescita esponenziale della popolazione mondiale e il 70% abiterà nelle città”. Le istituzioni, locali e nazionali, cosi come i privati, avranno un ruolo cruciale (mi vien da dire anzi il dovere) per creare le condizioni di un’urbanizzazione sostenibile ed inclusiva.
La competizione tra le città si giocherà quindi su molteplici aspetti, non solo sulla capacità di attrarre capitali, bensì sull’abilità di attirare forza lavoro, innovazione, capacità di creare sicurezza (territoriale e per gli investimenti), e in genarle creare le condizioni di vita di altissima qualità.
L’ Italia ha senza dubbio tanto da offrire, la sfida sarà saper competere con le altre città (internazionali e non) che hanno saputo fare del marketing territoriale la propria forza.
In questo Milano e Regione Lombardia sono senza dubbio un esempio all’avanguardia, grazie al dinamismo che sono propri a qs territori, ma vi sono anche altri esempi virtuosi che Fondazione Patrimonio Comune – Anci Ben rappresenta. In questa ottica c’è una comunione di intenti con Re Mind che vede al centro delle attività la sicurezza e lo sviluppo delle persone, degli immobili, del territorio e degli investimenti.”

Sott. al Mit Roberto Traversi: Immobiliare e Costruzioni: importante un intervento incisivo di Governo e Parlamento.
Nell’ambito del think tank “L’Immobiliare per il rilancio dell’Economia”organizzato a Milano da Re Mind il Sottosegretario al Mit Roberto Traversi ha espresso queste considerazioni“ Desidero porgere un saluto alle istituzioni, agli imprenditori e managers della Filiera Industriale e Manifatturiera dell’Immobiliare promossa da Re Mind, presieduta da Paolo Crisafi.
Dalle grandi città ai piccoli paesi, sul territorio crescono piani di rigenerazione sociale. È necessario uscire dalle secche dell’immobilismo per accelerare sui nuovi progetti, consapevoli del fatto che i piani di rigenerazione richiedono tempo, pazienza e una costante mobilitazione della società civile, parte attiva e non passiva di questo nuovo processo, nonché un intervento incisivo da parte del Governo e del Parlamento”
Ha poi proseguito l’esponente del Ministero Infrastrutture e Trasporti “
Oggi le nuove linee guida per la pianificazione della mobilità urbana sostenibile (SUMP) sono state aggiornate per riflettere sulle principali tendenze della mobilità urbana, nonché sull’esperienza pratica raccolta dalle città di tutta Europa. Le linee guida seguono un intenso processo di consultazione annuale delle parti interessate e sarà importante ricevere su questi ed altri temi le considerazioni emerse in questi importanti tavoli di lavoro Re Mind”.

On. Alessandro Cattaneo
il tema dell’immobiliare è oggetto di attenzione
Nell’ambito del think tank “L’Immobiliare per il rilancio dell’Economia”organizzato a Milano da Re Mind per la promozione della Filiera Industriale e Manifatturiera dell’Immobiliare ha rivolto un messaggio l’on. Alessandro Cattaneo “Rivolgo un caloroso saluto di buon lavoro a Paolo Crisafi, Presidente Re Mind, e a Guglielmo Pelliccioli, Fondatore Il Quotidiano Immobiliare, e agli esponenti della Filiera Immobiliare riuniti a Milano per un confronto sul tema dell’Immobiliare quale leva dell’Economia del Paese”.
Ha poi proseguito l’esponente di Forza Italia” “Il tema dell’immobiliare, della rigenerazione, della green economy, degli investimenti sostenibili sono oggetto di attenzione e sono quindi disponibile e interessato a recepire proposte e a continuare confrontarmi con la Filiera presente in Re Mind.”

Sen. Andrea Ferrazzi: il programma di governo PD/M5Stelle è innovativo in materia immobiliare.
Il Sen Andrea Ferrazzi ha posto una serie di considerazioni per alimentare i lavori del think tank “L’Immobiliare per il rilancio dell’Economia”organizzato a Milano da Re Mind, presieduto da Paolo Crisafi con ventennale esperienza nel settore“ Il programma di governo PD/M5 Stelle è molto innovativo per quanto attiene l’immobiliare e l’edilizia, e in particolare relativamente alla rigenerazione urbana e alla residenza- Bisogna portare in porto una rimodulazione della normativa in materia Real Estate e in particolare portare avanti gli interventi contro il consumo di suolo e quelli in materia di rigenerazione urbana”.
Ha poi proseguito l’esponente del Pd “Il tema della rigenerazione è fondamentale e dobbiamo fare tutti un passo avanti, togliendoci le casacche di appartenenza e portare avanti l’interesse del Paese. In questo senso sono molto interessanti i tavoli di lavoro promossi da Re Mind – Filiera Immobiliare”.

Sen Daniela Santanchè: l’aver creato un Think Thank sulla Filiera immobiliare, porterà sicuramente dei risultati positivi.
Sono veramente onorata di essere stata invitata a presenziare al meeting sull’Immobiliare quale leva per il rilancio dell’Economia ma sono veramente dispiaciuta di non poter essere lì con voi per impegni parlamentari sopravvenuti ai quali non posso soprassedere.
Trovo che l’aver creato un Think Thank sulla Filiera immobiliare, porterà sicuramente dei risultati positivi su tutto il territorio nazionale. L’Italia ha bisogno di una spinta per esportare le nostre eccellenze industriali e manifatturiere in tutto il mondo, perché il made in Italy è, e sarà sempre sinonimo di qualità”.
Ha poi proseguito l’esponente di Fratelli d’Italia”
“Sarei ben felice se questo Think Thank potesse sensibilizzare anche la nascita di nuove infrastrutture per potenziare il turismo nazionale, soprattutto nel sud dove ancora oggi purtroppo ci sono posti incantevoli ancora difficili da raggiungere attraverso reti ferroviarie veloci e sicure.Su questa linea sarà utile e fondamentale confrontarci e ricevere suggerimenti e spunti sul tema da parte dei tavoli multidisciplinari di Re Mind. Auguro a Lei ed a tutto l’illustre organico Nazionale di Re Mind ed a tutti i partecipanti un ottimo lavoro e tanto successo”.

On Massimo Garavaglia: è importante parlare di Immobiliare e di Costruzioni.
L’On Massimo Garavaglia ha fatto presente a margine del think tank “L’Immobiliare per il rilancio dell’Economia” organizzato a Milano da Re Mind, presieduta dal dott. Paolo Crisafi “Innanzitutto è importante parlare di Costruzioni e di Immobiliare. Per le costruzioni abbiamo rimesso in pista gli investimenti seppure in maniera parziale: il 15% di investimenti dei comuni di qualsiasi amministrazione politica è dovuto a misure della Lega, molto semplici e virtuose. Per l’Immobiliare abbiamo fatto quello che si poteva fare, senza aggravare maggiormente il settore.”
Ha poi proseguito l’esponente della Lega” Abbiamo varato interventi incisivi come Governo e ciò grazie anche al contributo tecnico di Crisafi e di altri esperti come il Prof. Maurizio Leo e come l’avv. Mirko Annibali, ad esempio per rendere la norma sugli esperti indipendenti in linea con gli altri Paesi e per arginare un improprio recepimento della norma sugli interessi passivi. Bisogna proseguire su questa scia anche in tema di sicurezza degli immobili e della popolazione facendo rispettare le regole e concentrandoci in special modo sulla cyber security”.

L’articolo RE Mind, mercoledì 9 ottobre 2019 Milano. L’Immobiliare per il rilancio dell’Economia proviene da Agenpress.



Source link