CONDIVIDI


Agenpress – “Raramente intervengo qui,men che meno per questioni politiche. Mi vedo però costretto a precisare agli amici alcuni aspetti del mio impegno politico. Circolano con abbondanza articoli e annunci di un mio abbandono di Forza Italia.

Si dà il caso che io non sia mai stato iscritto a Forza Italia,essendo stato segretario di un altro partito politico dal 2004 al 2018. Questo partito si chiamava ‘Democrazia Cristiana’, poi ‘Rivoluzione Cristiana’, e nella seconda repubblica è stato federato a Forza Italia”.

Lo scrive Gianfranco Rotondi in una nota.  “Lo è ancora, tant’è che io siedo in parlamento nel gruppo parlamentare di Forza Italia,nel quale ricopro anche la carica di vicepresidente. La notizia di un mio abbandono di Forza Italia, dunque, è falsa.
Vero è invece il mio fermo dissenso rispetto alla decisione di Forza Italia di riconoscere la leadership di Matteo Salvini,mantenendo l’alleanza con lui.

In apparenza è una scelta di continuità: è il centrodestra di prima, ai numeri rovesciati, con Forza Italia divenuta un cespuglio.
In politica, come nella chimica,le dosi e le proporzioni sono tutto:un grande partito liberale può sopportare anche l’alleanza con una forza di destra,e la coalizione che ne risulta riceve l’impronta dal partito maggiore,e dunque è un’alleanza di Centro,al massimo di centrodestra”.

“Nelle attuali proporzioni è improprio parlare di centrodestra,men che meno rivendicare una continuità col centrodestra berlusconiano. Salvini e Meloni totalizzano il 40 per cento dei voti,hanno già i numeri per dominare il prossimo parlamento,la modesta cifra di Forza Italia è aggiuntiva e mal tollerata,e per giunta i sondaggi segnalano una ulteriore discesa dopo l’accostamento alla piazza è impossibile aggiungere una voce di Centro.

Le parole d’ordine salviniane mettono in fuga l’elettore liberale e moderato:sovranismo, euroscetticismo, attacco al Papa, e prima di tutto ciò linguaggio,approccio e persino mimica lontana dal nostro ckiches.
Scelte legittime, quelle di Salvini. Anche vincenti ,numericamente. Ma non nostre. Ecco perché dico che in eventuali elezioni anticipate non sosterrei la candidatura di Salvini a premier.
Questo non significa abbandonare i miei amici di Forza Italia, e tantomeno Berlusconi,a cui voglio un ben dell’anima. Io rispetto la scelta di Berlusconi a favore di Salvini,ma chiedo eguale rispetto per la mia, a maggior ragione per il fatto che scendo spontaneamente dal carro del vincitore,e non è facile”.

L’articolo Rotondi. Falso un mio abbandono di Forza Italia. Rispetto la scelta di Berlusconi a favore di Salvini proviene da Agenpress.



Source link