CONDIVIDI

[ad_1]

Agenpress –  “Dobbiamo aprire questo Paese. Una “grave recessione” potrebbe fare più vittime del coronavirus.  lo ha detto Donald Trump in un town hall virtuale alla Fox, rimandando comunque ogni decisione alla prossima settimana, quando scadranno i 15 giorni di misure restrittive a livello federale. Il tycoon ha detto che gli piacerebbe vedere gli Usa aperti entro Pasqua, che cade il 12 aprile.

“Gli Usa non sono fatti per essere chiusi”, ha aggiunto sostenendo che l’influenza stagionale e gli incidenti automobilistici mietono più morti del coronavirus e non per questo si chiude il Paese e si chiede alle case automobilistiche di non produrre più vetture.

“Non c’è gara tra lo scegliere tra riaprire l’economia e salvare vite umane”, ha replicato  il governatore dello Stato di New York, Andrew Cuomo, criticando  Trump che ha detto di voler riaprire l’economia Usa per non danneggiarla con misure anti-coronavirus eccessivamente restrittive.

“Il primo obiettivo è quello di salvare vite umane. Punto. Serve una strategia coerente con l’emergenza di salute pubblica. Chi è che decide se una persone deve morire o meno…”, ha aggiunto Cuomo in un duro attacco all’amministrazione Trump, spiegando che dei 30 mila respiratori necessari allo stato di New York dalle autorità federali gliene sono arrivati solo 400.

L’articolo Usa. Trump, riaprire il Paese, recessione farebbe più vittime del coronavirus proviene da Agenpress.

[ad_2]

Source link