CONDIVIDI


Agenpress – L’ambasciatore cinese in Australia Cheng Jingye ha avvertito il governo australiano che la sua insistenza nel condurre un’indagine motivata politicamente sull’origine del nuovo coronavirus potrebbe innescare un boicottaggio da parte dei consumatori cinesi, che potrebbero smettere di viaggiare e studiare in questo paese o di acquistare i suoi prodotti.
In un’intervista al quotidiano australiano The Australian Financial Review,  il diplomatico cinese ha consigliato agli australiani di non spingere per un’indagine, avvertendo Canberra che piacere agli Stati Uniti potrebbe essere “pericoloso”.

“Alcuni uomini cercano di incolpare la Cina per i suoi problemi e distogliere l’attenzione” , ha detto Cheng, riferendosi ai politici australiani. “È una sorta di compiacimento per le dichiarazioni fatte da alcune forze a Washington”, ha aggiunto.

L’ambasciatore cinese ha sottolineato che il ricorso al sospetto, alla recriminazione o alla divisione in un momento così critico non potrebbe che minare gli sforzi globali per combattere questa pandemia.

L’Australia si è unita agli Stati Uniti chiedere un’indagine internazionale sull’origine e la diffusione della pandemia di coronavirus attribuita alla Cina. Mercoledì scorso, il primo ministro australiano Scott Morrison ha dichiarato di aver cercato il sostegno di Washington in una telefonata con il presidente degli Stati Uniti Donald Trump. (www.lantidiplomatico.it)

L’articolo La Cina minaccia l’Australia se continua ad indagare sull’origine del coronavirus proviene da Agenpress.



Source link