CONDIVIDI


Agenpress – Hong Kong è stata restituita alla Cina dal controllo britannico nel 1997, ma con un accordo unico: una mini costituzione chiamata Legge fondamentale e un cosiddetto principio “un paese, due sistemi”.

Dovrebbero proteggere alcune libertà per Hong Kong: libertà di riunione e di parola. un sistema giudiziario indipendente e alcuni diritti democratici – libertà che nessun’altra parte della Cina continentale ha.

In base allo stesso accordo, Hong Kong ha dovuto emanare le proprie leggi sulla sicurezza nazionale, come stabilito dall’articolo 23 della Legge fondamentale.

Ma la sua impopolarità significa che non è mai stato fatto – il governo ha provato nel 2003 ma ha dovuto arretrare dopo che 500.000 persone sono scese in strada.

Dato che la legge non è ancora stata redatta, è difficile essere concreti, ma essenzialmente le persone di Hong Kong temono la perdita delle loro libertà civili.

L’esperto cinese Willy Lam teme che la legge possa vedere le persone punite per aver criticato Pechino, come accade nella Cina continentale.

Le persone sono preoccupate che ciò influisca sulla libertà di parola il loro diritto di protestare, che è attualmente legale a Hong Kong. In Cina, attività come questa sono state classificate come sovversioni.

Attivisti di spicco come Joshua Wong hanno presentato una petizione ai governi stranieri per aiutare la loro causa a favore della democrazia in città,  “stanno tentando di mettere a tacere le voci critiche a Hong Kong con la forza e la paura”, ma “gli hongkonger non si spaventeranno di fronte alla politica del lupo guerriero”.

Dopo anni di pressioni, gli Stati Uniti hanno approvato l’Hong Kong Human Rights and Democracy Act. Alcuni sono preoccupati che tale campagna possa costituire un crimine in futuro.

Molti hanno anche paura che il sistema giudiziario di Hong Kong diventerà come quello cinese.

“Quasi tutti i processi che coinvolgono la sicurezza nazionale sono condotti a porte chiuse. Non è mai stato chiaro quali siano esattamente le accuse e le prove, e il termine sicurezza nazionale è così vago da coprire quasi tutto”, il professor Johannes Chan, studioso legale presso l’Università di Hong Kong, dice.

La Legge fondamentale afferma che le leggi cinesi non possono essere applicate a Hong Kong se non sono elencate in una sezione chiamata Allegato III – ne sono già presenti alcune elencate, per lo più non controverse e relative alla politica estera.

Queste leggi potrebbero essere introdotte con decreto – il che significa che aggirano il parlamento della città.

L’amministratore delegato di Hong Kong Carrie Lam ha già dichiarato che collaborerà con la Cina per “completare la legislazione il più presto possibile”.

Il fronte democratico di Hong Kong cerca di organizzarsi. “Questa è la più grande arma nucleare usata dal Partito comunista nella distruzione reciproca di Hong Kong”, ha notato Jimmy Sham, leader del Civil Human Rights Front, gruppo che ha mobilitato nelle proteste milioni di persone lo scorso anno, sollecitando una nuova stagione di iniziative, già da domenica.

 

L’articolo Hong Kong. Le proteste degli attivisti del fronte democratico. Si temono punizioni proviene da Agenpress.



Source link