CONDIVIDI


Agenpress – Funzionari del governo cinese hanno detto alle principali aziende agricole statali di sospendere gli acquisti di alcuni prodotti agricoli americani, compresi i semi di soia, mentre Pechino valuta la crescente escalation di tensioni con gli Stati Uniti su Hong Kong, secondo persone che conoscono la situazione.

Secondo uno dei cittadini, ai commercianti statali Cofco e Sinograin fu ordinato di sospendere gli acquisti, chiedendo di non essere identificati per discutere di una questione privata. Gli acquirenti cinesi hanno anche cancellato un numero non specificato di ordini di carne suina negli Stati Uniti, ha detto una delle persone. Secondo una delle persone, alle società private non è stato chiesto di arrestare le importazioni.

La battuta d’arresto è l’ultimo segnale che l’accordo commerciale della prima fase, duramente vinto, tra le due maggiori economie del mondo è in pericolo. Mentre il primo ministro cinese Li Keqiang il mese scorso ha ribadito l’ impegno a mettere in atto l’accordo siglato a gennaio, da allora le tensioni hanno continuato a intensificarsi in seguito a una contrapposizione alla mossa di Pechino per rafforzare la sua presa su Hong Kong.

L’ordine di bloccare le importazioni è maturato dopo che il presidente Donald Trump ha proposto venerdì le misure, tra cui il ritiro dello status speciale dell’ex colonia britannica nei rapporti con gli Usa, dopo l’imposizione di Pechino della legge sulla sicurezza nazionale alla città, vista come un colpo all’autonomia e al modello ‘un Paese, due sistemi’. Cofco e Sinograin, due trader chiave di beni agricoli, stavano trattando venerdì da 20 a 30 cargo di soia, ma poi hanno fermato tutto. L’idea sarebbe quella di attendere le prossime mosse americane: in particolare, Trump ha parlato di sanzioni contro funzionari cinesi e di Hong Kong “direttamente e indirettamente” coinvolti nell’erosione dell’autonomia della città.

L’articolo La Cina blocca alcune importazioni agricole statunitensi. A rischio l’accordo commerciale proviene da Agenpress.



Source link