CONDIVIDI


Agenpress – Un nuovo rapporto conferma che gli aborti forzati diffusi e le sterilizzazioni continuano in Cina, colpendo le madri minoritarie e i loro bambini non ancora nati.

Per molti anni, i sostenitori della vita hanno messo in mostra le enormi violazioni dei diritti umani in Cina attraverso le sue oppressive misure di controllo della popolazione. Sotto la sua politica del figlio unico, il paese comunista ha costretto le donne ad abortire i loro bambini non ancora nati durante tutti e nove i mesi di gravidanza e ha penalizzato le famiglie con multe enormi e il tempo in prigione se avessero avuto un secondo o un terzo figlio.

Circa cinque anni fa, la Cina ha allentato le sue politiche di controllo della popolazione , ma i sostenitori della vita hanno avvertito che le pratiche di aborto forzato continuano.

Questa settimana, i rapporti confermano che queste violazioni dei diritti umani continuano a verificarsi e su una scala più ampia di quanto si pensasse in precedenza.

L’Express riferisce che l’Uighur, un gruppo musulmano di minoranza nella regione dello Xinjiang, viene preso di mira per questi abusi, secondo i dati e le ricerche dell’Associated Press.

Centinaia di migliaia di donne uiguriche sono state sottoposte a test di gravidanza statali, forzatamente sterilizzate e costrette ad abortire i loro bambini non ancora nati, secondo il rapporto.

Inoltre, almeno 1 milione di Uiguri sono stati collocati in campi di “rieducazione” dal 2017, riporta PBS News . E, secondo l’AP, uno dei motivi principali della loro detenzione è avere troppi figli.

Il Daily Beast riferisce : “Una donna, dopo Gulnar Omirzakh, ha affermato che il governo le ha ordinato di inserire uno IUD dopo il suo terzo figlio. Due anni dopo, i funzionari si presentarono a casa sua e le dissero che aveva tre giorni per pagare una multa di $ 2.685 per avere più di due figli. Ha detto: ‘Dio ha lasciato in eredità i bambini su di te. Impedire alle persone di avere figli è sbagliato … Vogliono distruggerci come popolo “.

Echoing storie che i professionisti della vita condividono da anni, i rapporti raccontano di raid della polizia nelle case delle famiglie in cerca di bambini illegali, famiglie che si nascondono per proteggere i propri figli, intimidazioni governative e altro ancora.

Secondo PBS News, almeno 1 milione di Uighuri, dal 2017, sono stati rinchiusi nei Laogai, i campi di concentramento che in quella regione – tra le tante altre cose – producono i pomodori che poi arrivano in Occidente e vengono spacciati per made in Italy [un rapporto esclusivo pubblicato dieci anni fa dalla Laogai Research Foundation – Italia, oggi Arcipelago laogai: in memoria di Harry Wu è giunto fino al Parlamento, nell’ambito delle indagini sulle contraffazioni della salsa di pomodoro che sono state condotte in Campania] .  E, secondo l’AP, uno dei motivi principali della reclusione è l’avere troppi figli.

I giornali riportano la testimonianza di  Gulnar Omirzakh, cui è stata inserita la spirale forzatamente e che è stata condannata a pagare una multa di 2.685 dollari. Secondo i dati ufficiali del regime, i tassi di natalità nelle regioni uighure di Hotan e Kashgar sono crollati di oltre il 60% dal 2015.

Fonte:

China is Forcing Hundreds of Thousands of Minority Women to Kill Their Babies in Abortion

L’articolo Cina. Governo costringe migliaia di donne uiguriche ad aborti e sterilizzazioni proviene da Agenpress.



Source link