CONDIVIDI


AgenPress. Pur di non riconoscere i diritti di cittadinanza violati delle donne e degli uomini del Sud da oltre dieci anni in qua, si arriva a esporre l’Italia a una specie di rischio Grecia (avere falsificato i bilanci) mettendo in dubbio la trasparenza e la correttezza dei numeri dei Conti pubblici territoriali della Repubblica italiana.

Li riproduciamo alle pagine II e III nella edizione più aggiornata (2018) e vi affidiamo alla lettura di Fabrizio Galimberti. Per capire di che cosa si tratta basti pensare che un cittadino emiliano-romagnolo per reti e infrastrutture riceve pro capite 2.069 euro e un cittadino campano 731. Per la sanità sempre pro capite a un cittadino lombardo vanno 2.533 euro e a un cittadino calabrese 1.547.

Si è arrivati a mettere in dubbio la terzietà dei Conti Pubblici Territoriali (CPT) e dell’Agenzia di Coesione perché i suoi dati non coincidono con quelli dell’Istat benché siano pubbliche le metodologie condivise (si veda sempre Galimberti e i link citati alle pagine II e III) e evidentissime le ragioni della diversità. Che risiedono in obiettivi e finalità differenti delle due rilevazioni.

Per leggere la versione integrale dell’editoriale del direttore Roberto Napoletano clicca qui:

https://www.quotidianodelsud.it/laltravoce-dellitalia/gli-editoriali/economia/2020/09/28/leditoriale-di-roberto-napoletano-laltravoce-dellitalia-giochi-pericolosi/

L’articolo L’ opinione di Roberto Napoletano. Giochi pericolosi proviene da Agenpress.



Source link