CONDIVIDI


AgenPress. “Sintetica e profondamente vera la dichiarazione di Giovanni Maria Flick sulle prime applicazioni del Trojan:”sono state una specie di maledizione divina”

“I pubblici ministeri hanno voluto introdurre il Trojan, ma poi é stato applicato in condizioni tali che ha scassato definitivamente il funzionamento del Csm”  – lo afferma Fiammetta Modena di Forza Italia, membro della commissione Giustizia – é una nemesi, non vi è dubbio.

Ma anche sulle nemesi bisogna vigilare. Leggiamo che l’uso del Trojan nel caso Palamara potrebbe essere stato irregolare e che le intercettazioni non siano finite direttamente nel server della Procura. Si parla anche che si pensa di depenalizzare come illecito disciplinare il “carrierismo”, una volta appeso Palamara all’albero più alto della barca scandalo.

Siamo ormai alla fase finale del processo interno a suo carico e pare che già tutto sia stato scritto, condanna di colpevolezza e quindi radiazione dai ranghi della magistratura compresa, ma perché questa fretta e questa corsa inusitata da parte del CSM?

Sembra – conclude la Senatrice Modena – che si abbia fretta di mandare via dalla magistratura Luca Palamara senza approfondire nulla di questa inquietante vicenda giudiziaria italiana.”

L’articolo Sen. Fiammetta Modena (FI): “sentenza Palamara, troppa fretta da parte del CSM. Regolare l’uso del Trojan?” proviene da Agenpress.



Source link