Intervista a Mario Giordano – Direttore del TG4

Mario Giordano : “Occorre ripartire da una rivoluzione degli onesti”

Biagio Maimone : Alla denuncia delle ingiustizie di carattere socio-economico e politico ha dedicato tante pagine della sua attività letteraria e giornalistica, contribuendo a porre un accento fortemente dissacratorio su rilevanti tematiche , che investono il piano morale dell’esistenza .Può dirsi la questione morale il punto di partenza per la rinascita economica?

Mario Giordano : A mio parere sì. Sono convinto che nessuna legge e nessuna riforma avrà successo se non si riparte da una rivoluzione degli onesti. Tanto tempo fa Prezzolini diceva che l’Italia si divide in fessi e furbi. I fessi sono quelli che rispettano le regole, pagano le tasse fino all’ultimo centesimo, pagano il biglietto quando prendono l’autobus… I furbi sono quelli che vivono alle spalle dei fessi. Ecco: se però i furbi diventano troppi, le spalle dei fessi non reggono più. E il Paese crolla.

Biagio Maimone : Le è stato contestato duramente di aver posto in risalto le pensioni d’oro dei dirigenti pubblici e poco quelle di altre categorie , come la categoria dei giornalisti . Un Suo parere .

Mario Giordano : Non ho mai risparmiato critiche alla mia categoria, ma se devo fare un appunto ai giornalisti non è tanto per le pensioni che prendono (nessun collega arriva ai 90mila euro al mese dell’ex manager Telecom Mauro Sentinelli), quanto per il silenzio con cui hanno spesso accompagnato questi scandali.

Biagio Maimone : Su cosa il mondo della comunicazione, nelle sue varie forme , dovrà far leva, nell’epoca attuale, per riconquistare la capacità “suprema” di toccare le corde più profonde della coscienza umana al fine di renderla consapevole della necessità di intraprendere azioni coraggiose a favore dell’emancipazione e dello sviluppo sociale e civile, come è avvenuto nelle epoche passate .

Mario Giordano : Non so come si raggiungono “capacità supreme” e “corde più profonde”. Mi basterebbe un giornalismo che non abbia paura di raccontare fatti. Con coraggio.

Biagio Maimone : L’ottimismo e la speranza che lo sorregge, potranno essere gli antidoti per superare il nichilismo e la tristezza che sembra permeare l’epoca contemporanea , in quanto deprivata di tanti ideali che l’eccesso di pragmatismo ha posto in secondo piano . In poche parole, condivide l’opinione secondo cui l’impegno per la rinascita, in ogni ambito della vita umana, debba essere sorretta dalla speranza e dagli ideali.

Mario Giordano : Certo. Io dico sempre che se continuo a denunciare, a raccontare ciò che non va e non mi piace, è perché sono un inguaribile ottimista. E non riesco a rassegnarmi alla rassegnazione.

Articolo precedenteIntervista a Giorgia Meloni
Articolo successivoIntervista a Nichi Vendola

Articoli Correlati

Seguimi su:

1,120FansMi piace
118FollowerSegui

Ultimi Inserimenti