Israele rivendica la vittoria durante un flebile cessate il fuoco

Il commento di Giuseppe Gallinella

Un accordo di cessate il fuoco raggiunto tra Israele e gruppi armati palestinesi nella Striscia di Gaza sembrava essere in vigore venerdì, ma ci sono state tensioni nella Gerusalemme est occupata dove la polizia israeliana ha preso d’assalto il complesso della moschea di Al-Aqsa sparando gas lacrimogeni contro i palestinesi dopo la preghiera del venerdì. Il cessate il fuoco mediato dall’Egitto è entrato in vigore nelle prime ore di venerdì dopo 11 giorni di implacabili bombardamenti israeliani dell’enclave assediata e migliaia di razzi lanciati in Israele da Hamas, il gruppo al governo della Striscia. Migliaia di palestinesi nella Striscia di Gaza e nella Cisgiordania occupata si sono riversati nelle strade per celebrare il cessate il fuoco, sventolando bandiere e mostrando il segno “V” per la vittoria.

Il bombardamento israeliano di Gaza ha ucciso almeno 257 palestinesi, tra cui 66 bambini, e ha portato devastazione diffusa al territorio già impoverito. Da parte israeliana, 12 persone, tra cui due bambini, sono state uccise.
L’illusione di Israele dunque, è quella di rivendicare la sua arroganza ai danni dei palestinesi. James Bays, redattore diplomatico, in un rapporto da Gerusalemme ovest afferma che la risoluzione che chiede un cessate il fuoco è stata ora riscritta concentrandosi sull’accesso umanitario e sul portare tutti gli aiuti umanitari a Gaza. Il portavoce del Segretario generale Antonio Guterres ha anche affermato a New York presso la sede delle Nazioni Unite che “le questioni politiche fondamentali devono essere affrontate”, ha detto Bays.
“L’ONU ritiene che sia giunto il momento di guardare ai problemi fondamentali e al processo di pace.
“La grande domanda è se anche gli Stati Uniti condividano questo punto di vista perché l’amministrazione Biden è in carica ormai da quattro mesi, e questo – fino allo scoppio del conflitto – non era una delle priorità. Stavano esaminando l’Afghanistan, il cambiamento climatico, l’accordo sul nucleare iraniano e questo conflitto di lunga data era proprio in fondo alla loro lista di priorità”, ha detto Bays.
*Questo articolo proviene da www.ilformat.info 

Articoli Correlati

Seguimi su:

1,120FansMi piace
118FollowerSegui

Ultimi Inserimenti