UNHRC, pronti ad approvare indagine sui crimini di guerra in Israele

(ilformat.info) – Il Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite dovrebbe istituire una commissione d’inchiesta sulle azioni israeliane contro i palestinesi durante il periodo che ha preceduto e compreso la guerra di Gaza di 11 giorni che si è conclusa il 21 maggio.Il comitato di accertamento dei fatti di esperti giudiziari indagherà sull’attività israeliana a Gaza e Gerusalemme, nonché sulle rivolte etniche scoppiate nelle città miste all’interno del sovrano Israele. Inizierebbe a sondare l’attività dal 13 aprile 2021, ma non c’è una data di fine per l’indagine, che secondo l’ultima bozza del suo mandato sarebbe “in corso”.

Il Pakistan e l’Autorità Palestinese hanno presentato una risoluzione per la creazione della missione conoscitiva, che verrà votata giovedì, quando l’UNHRC terrà una sessione speciale a Ginevra. Si prevede che riceverà la maggioranza dei voti nell’organo di 47 membri.

Il dibattito di giovedì inizierà alle 10, ora di Ginevra, e dovrebbe essere un evento di lunga durata che coinvolgerà Israele e la partecipazione palestinese, oltre a funzionari delle Nazioni Unite, attivisti per i diritti umani e rappresentanti di dozzine di paesi. “Domani Israele presenterà i fatti sul campo. Chiediamo agli Stati membri dell’HRC di assumersi la propria responsabilità morale e di opporsi alla risoluzione”, ha affermato l’ambasciatore israeliano alle Nazioni Unite a Ginevra Meirav Eilon Shahar.
Il dibattito dell’UNHRC è uno dei tre incentrati su Israele all’ONU in un periodo di 48 ore. Mercoledì a Ginevra, la 74a assemblea generale dell’Organizzazione mondiale della sanità ha approvato una risoluzione contro il trattamento da parte di Israele dei palestinesi. Giovedì a New York, Israele si troverà anche sulla difensiva quando il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite terrà la sua riunione mensile sul conflitto israelo-palestinese.

L’UNSC ha anche tenuto una sessione speciale sulla condanna di Israele all’inizio di questo mese nel mezzo della guerra di Gaza, nota in Israele come Operazione Guardian of the Walls, e ha rilasciato una dichiarazione che chiede un cessate il fuoco.
Quella dichiarazione non menzionava Hamas, gli oltre 4.000 razzi lanciati contro Israele durante la guerra, o le dieci persone all’interno di Israele che morirono di conseguenza, inclusi due bambini. Non ha parlato dei militanti di Hamas che sono stati uccisi dall’IDF o dei civili palestinesi uccisi quando i razzi di Hamas sono falliti.

In una lettera al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite prima dell’incontro, l’ambasciatore dell’Autorità palestinese presso le Nazioni Unite a New York Riyad Mansour ha parlato del danno causato dalla guerra di Gaza e dalle violenze che l’accompagnavano a Gerusalemme, affermando che 250 palestinesi erano stati uccisi in un periodo di due settimane. “Questo non è solo un numero. Queste erano vite umane e le famiglie sono state devastate e per sempre traumatizzate e la nostra società così profondamente ferita e sfregiata”, ha detto.
“Andare avanti come se fosse normale non è possibile. La responsabilità deve essere perseguita per garantire la giustizia, compresa la giustizia per le molte, molte vittime dei crimini odiosi di questa occupazione illegale contro il nostro popolo”, ha detto. L’UNSC non dovrebbe intraprendere alcuna azione quando si riunirà giovedì.

A Ginevra, tuttavia, l’UNHRC nella sua sessione speciale giovedì voterà una risoluzione per una missione conoscitiva che allo stesso modo non parlerà di Hamas o dei missili.

Shahar ha affermato che “la convocazione di questa sessione speciale non ha alcuna relazione con la realtà sul campo e non ha intenzione di guardare a nessuna delle parti del conflitto a parte Israele. Hamas non è menzionato nella risoluzione. “Gli oltre 4300 razzi lanciati indiscriminatamente contro i civili israeliani non vengono menzionati. Il bombardamento da parte di Hamas di convogli di aiuti umanitari non è menzionato”, ha detto.
Invece, la risoluzione ricorda agli Stati membri la loro responsabilità di chiamare Israele a rendere conto delle sue azioni ed esorta la comunità internazionale a unirsi per fermare le azioni israeliane.

La commissione “formulerebbe raccomandazioni, in particolare sulle misure di responsabilità, tutte al fine di evitare e porre fine all’impunità e garantire la responsabilità legale – inclusa la responsabilità penale individuale e di comando – per tali violazioni, e giustizia per le vittime”, afferma la risoluzione.

Esplorerà le “presunte violazioni del diritto internazionale umanitario e tutte le presunte violazioni e abusi del diritto internazionale dei diritti umani fino al 13 aprile 2021 e dal 13 aprile 2021, e tutte le cause profonde delle tensioni ricorrenti, instabilità e protrazione del conflitto, inclusa la discriminazione sistematica e repressione basata sull’identità nazionale, etnica, razziale o religiosa ”, afferma la risoluzione.

Shahar ha accusato che “l’unico scopo di questa Sessione Speciale e della sua risoluzione è incolpare Israele, mascherare i crimini commessi da Hamas e che l’Autorità Palestinese eviti di assumersi le proprie responsabilità nei confronti della propria popolazione.

“Israele combatte il terrorismo di Hamas, non il popolo palestinese, né la popolazione di Gaza”, ha detto. “Purtroppo, questa Sessione Speciale ricompenserà solo Hamas e le forze estremiste, allontanando ulteriormente ogni prospettiva di costruzione della fiducia e di pace”.

Tra coloro che interverranno alla sessione dell’UNHRC ci sarà l’Alto Commissario per i diritti umani Michelle Bachelet; il relatore speciale per i territori palestinesi, l’ex parlamentare Mohammad Barakeh; Issam Younis, direttore del Centro per i diritti umani Al-Mezan; e Muna El Kurd, una giornalista che vive a Sheikh Jarrah.

In passato ci sono state almeno cinque missioni conoscitive sulle azioni militari israeliane, inclusa una sulla “Grande Marcia del Ritorno” guidata da Hamas e sulle passate guerre di Gaza.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità delle Nazioni Unite ha votato una risoluzione a sostegno di una migliore assistenza sanitaria per i palestinesi a Gerusalemme est, in Cisgiordania e Gaza, nonché per i siriani sulle alture del Golan di Israele, anche se questi siriani hanno un accesso equo alla salute israeliana cura.

Il testo della risoluzione in sé non menzionava Israele, ma la critica era implicita. Il paese è stato criticato sulla scena internazionale per aver fornito vaccini ai suoi cittadini senza acquistare allo stesso modo vaccini per l’Autorità Palestinese in modo da poter provvedere a coloro che vivono nelle aree A e B della Cisgiordania, che è sotto il dominio dell’Autorità Palestinese.

Il direttore esecutivo di UN Watch Hillel Neuer ha dichiarato: “L’attacco di oggi contro Israele all’OMS ha promosso la menzogna secondo cui Israele sta danneggiando i diritti alla salute dei palestinesi”, ma aggiungendo che “è vero il contrario”.

“Nonostante il fatto che i palestinesi abbiano il proprio sistema sanitario e, in base agli accordi di pace di Oslo II, è l’Autorità Palestinese ad essere responsabile della vaccinazione della loro popolazione, Israele ha vaccinato oltre 100.000 lavoratori palestinesi da marzo e ha donato migliaia di vaccini dosi per gli operatori sanitari palestinesi”, ha detto Neuer.

“Le équipe mediche israeliane si sono coordinate con professionisti medici palestinesi per fornire formazione e assistenza”, ha detto. “Israele ha trasferito attrezzature mediche e ha formato dozzine di medici, infermieri e personale medico palestinesi da Gaza prima che l’Autorità palestinese cessasse il coordinamento nel maggio 2020, esercitando maggiore pressione sul loro sistema sanitario durante una pandemia.

“Inoltre, è particolarmente assurdo per l’OMS emanare una risoluzione che accusa efficacemente Israele di violare i diritti alla salute dei siriani nel Golan, mentre il rapporto del direttore generale afferma chiaramente che hanno pieno accesso all’assistenza sanitaria universale sotto le organizzazioni israeliane di mantenimento della salute. , compresi i test COVID, le cure mediche, la ricerca dei contatti e la vaccinazione”, ha affermato.

Questo articolo proviene da www.ilformat.info

https://ilformat.info/2021/05/27/lunhrc-e-pronta-ad-approvare-lindagine-sui-crimini-di-guerra-in-israele/

 

 

Articoli Correlati

Seguimi su:

1,120FansMi piace
118FollowerSegui

Ultimi Inserimenti